Chi sono

Atelier Rouge - IMagaSono nata a Milano, in Italia, verso la fine della prima metà del secolo scorso.

A Milano ho studiato con il mio amore Giorgio fino alla laurea in architettura al Politecnico poi ci siamo sposati ed abbiamo avuto il nostro bambino: Alberto.

Per anni abbiamo svolto insieme il nostro lavoro di architetti.

Appena mi é stato possibile ho abbandonato la grande città e spinta dal mio bisogno di pace, di aria, di sole, di colori mi sono trasferita con la mia famiglia in un piccolo paese vicino al lago di Como.

Di giorno in giorno quel lavoro di architetto che per anni mi era  sembrato appassionante e creativo si traformava, grazie all’ingigantimento delle normative e della burocrazia, in una occupazione obbligata sempre meno entusiasmante faticosa e spesso angosciante.

Ho sempre amato disegnare e dipingere, ma il tempo per queste attività era molto limitato.

In questo stato d’animo e senza quasi accorgermi di quanto anni della mia vita vita erano già alle mie spalle mi sono trovata, cosi’ all’improvviso, alla fine del XX secolo.

Poi un invito di amici e diverse vacanze nel sud della Francia.

Solo là mi sono sentita di colpo e finalmente “a casa” e ho respirato intorno a me tutta quella pace, aria, sole, colori di cui avevo inconsciamente bisogno da sempre.

Senza troppo riflettere ( per una volta) abbiamo preso la nostra decisione e mi sono trasferita in avanscoperta a Bormes les  Mimosas dove, in una vecchia casa del villaggio, nel mio Atelier “IMaga” ho iniziato un nuovo mestiere: dipingere:  alternando lavori su tela e su ceramica .

La gioia di dipingere ogni giorno, un mio nuovo gusto alla vita, il contatto arricchente con il pubblico e le prime opere vendute mi hanno convinto di essere sulla strada giusta.

Questo secolo era iniziato. Tutto era cambiato per me, decisamente in meglio.

L’avventura di Bormes é terminata qualche anno fa, per ragioni di salute, (gli anni passano) mi sono trasterita con mio marito in un paese poco lontano, ancora più piccolo, nell’entroterra tra vigneti, colline; ma l’avventura della pittura de “IMaga” continua.

Ai quadri e alle ceramiche ho aggiunto la confezione di gioielli di fantasia che sono per me come piccole sculture tutte diverse e che mi consentono di giocare con ll filo dorato e con i colori dei cristalli.

In quest’anno 2015 dei miei clienti dei primi giorni di Bormes divenuti amici fra i più intimi e cari mi hanno proposto una nuova avventura: questa mostra a Parigi.

Senza troppo riflettere ( un ‘altra volta) abbiamo detto si.

Atelier IMaga

Atelier IMaga